Skip to main content
  • BriseSoleil 100 Frangisole e ConceptWall 50 Facciate continue - Office building 't Rabot situato in Gent, België
  • BriseSoleil 100 Frangisole e ConceptWall 50 Facciate continue - Office building 't Rabot situato in Gent, België
  • BriseSoleil 100 Frangisole e ConceptWall 50 Facciate continue - Office building 't Rabot situato in Gent, België
  • BriseSoleil 100 Frangisole e ConceptWall 50 Facciate continue - Office building 't Rabot situato in Gent, België
  • BriseSoleil 100 Frangisole e ConceptWall 50 Facciate continue - Office building 't Rabot situato in Gent, België
  • BriseSoleil 100 Frangisole e ConceptWall 50 Facciate continue - Office building 't Rabot situato in Gent, België
  • BriseSoleil 100 Frangisole e ConceptWall 50 Facciate continue - Office building 't Rabot situato in Gent, België
  • BriseSoleil 100 Frangisole e ConceptWall 50 Facciate continue - Office building 't Rabot situato in Gent, België
  • Bontinck

't Rabot

Gent - België - 2007

Il quartiere Rabot a Gand, situato lungo le mura attorno alla città risalente al diciannovesimo secolo, è sottoposto ad una radicale opera di ristrutturazione. L’amministrazione cittadina, ‘Bruggen naar Rabot’ (‘Ponti verso Rabot’), intende ricollegare la zona al centro urbano. Le vecchie industrie tessili lungo la circonvallazione, che furono determinanti per lo sviluppo del quartiere nel diciannovesimo secolo, riceveranno tutte una nuova destinazione, come abitazioni, uffici o negozi di design. Sull’altro lato, sul terreno della vecchia stazione di smistamento, fanno ora bella mostra di sé all’interno di un parco il nuovo palazzo di giustizia e un centro per giovani.   Tra le vecchie industrie tessili del XIX secolo,lo studio G+D Bontinck ha progettato un nuovocomplesso per uffici, che è noto con il nome di‘Rabotuffici’. Il quartiere Rabot, grazie alla sua ubicazionelungo la circonvallazione e la sua ottimaraggiungibilità con i mezzi pubblici, rappresentavaun sito ideale per il nuovo complesso per uffici.Inoltre, il centro storico è facilmente raggiungibilea piedi. L’edificio è orientato verso la circonvallazione con un design che s’ispira alle mura del quartiere Rabot e alle torrette risalenti al 400, ai margini delle chiuse.

Le facciate anteriori e posteriori sono costruite con pannelli prefabbricati in calcestruzzo, con uno strato ruvido in ghiaietto, resistente allo sporco, che riduce il rumore e protegge dagli sguardi indiscreti. Queste due facciate sono in totale contrasto con la parte laterale, di aspetto tecnologico, composta da una facciata in vetro, un frangisole ed un portico parzialmente coperto. Una volta allontanatisi dal lato chiuso che l’edificio mostra dalla parte della strada, il complesso di uffici si presenta come un fabbricato aperto e trasparente. Le facciate laterali in vetro offrono ai piani inferiori la vista su un giardino interno, aperto anche al pubblico. Il piano più alto si affaccia sul centro storico della città, con le tre torri simbolo di Gand. Il portico accompagna il visitatore all’area di accoglienza e all’atrio degli uffici, nonché al parcheggio sotterraneo, situato sul retro, e al giardino interno. La struttura dell’edificio stesso è semplice. Tra i due lati corti sono situate le facciate laterali con la schermatura a lamelle, dietro alle quali vi sono quattro piani di uffici. Centrale nell’edificio è la colonna aperta dell’ascensore e una scalinata racchiusa in vetro per la sua intera altezza. Questa configurazione rende possibile la suddivisione dell’edificio in due unità autonome. L’orientamento delle facciate corte, chiuse e delle facciate laterali aperte è estremamente vantaggiosa per la funzione a cui è adibito il fabbricato: le vetrate sono infatti orientate a nord-est e a sud-ovest e ciò permette al sole ancora basso del mattino, della sera e dell’inverno di penetrarvi, mentre la schermatura a lamelle e i lati corti chiusi proteggono l’interno dal sole alto.

LA SCELTA DELL’ALLUMINIO

“La scelta di utilizzare i profili in alluminio per le finestre delle facciate è stata determinata da due fattori,” spiega Bert Dekeyser dello studio G+D Bontinck, responsabile del progetto per l’edificio “uno di ordine architettonico e l’altro di ordine ingegneristico”. Gli architetti hanno tenuto conto dell’immagine hi-tech della facciata con frangisole, in cui un materiale come l’alluminio s’inseriva perfettamente. Poiché durante la fase di progettazione non era ancora noto l’utilizzatore finale dell’edificio, il committente desiderava realizzare un edificio che fosse il più flessibile e pratico possibile. Il complesso è stato quindi ideato in modo da poter essere diviso in due parti separate, ognuna delle quali accessibili dall’ingresso. La scelta dei materiali è stata guidata dai criteri della sostenibilità e della manutenzione. Anche in questo caso, i profili in alluminio soddisfano per la loro praticità le richieste del committente. Durante la costruzione sono state apportate alcune modifiche al progetto, per renderlo idoneo alle norme sull’energia, che saranno sempre più severe. Il valore d’isolamento del doppio vetro è stato aumentato e sono stati scelti i profili snelli CW 50 che offrono un buon grado d’isolamento termico. Ad essi sono state fissate le passerelle per la manutenzione e la schermatura a lamelle. Lo spazio tra la schermatura e la vetrata, l’inclinazione delle lamelle, le dimensioni minime dei profili e le distanze fra i ferma vetri orizzontali si traduce in un’estrema trasparenza nella facciata offrendo un alto rendimento energetico.

Involved stakeholders

Architetto

  • Bontinck

Serramentista

  • Hermans

Fotografo

  • Louis Jongeneelen

Altre parti interessate

  • Franki (Appaltatore generale)
  • VKW Synergia (Investors)